APERTURA AL PUBBLICO
Lun. Mart. Merc. 10:00-13:00/14:00-16:00
Giov. 10.00-13:00
CONSULENZA ANAGRAFE EQUINA
Dott.ssa Lisa Longo - cell. 3921431003

Presso le strutture dell’Equieffe Equestrian Centre si è disputato il concorso internazionale CSI2*, al quale hanno preso parte cavalieri provenienti da tutto il mondo: Austria, Azerbaijan, Brasile, Belgio, Canada, Danimarca, Finlandia, Francia Germania, Inghilterra,  Irlanda, Italia, Norvegia, Portogallo, Slovenia, Spagna, Svezia, Svizzera e Ucraina. In un'atmosfera internazionale, amazzoni e cavalieri Fise Lazio hanno saputo interpretare al meglio i percorsi ideati da Andrea Colombo e Matteo Landi.

La prima amazzone ad entrare in premiazione è stata Alessandra Bonifazi che in sella al suo Intrigo Rs si è posizionata al terzo posto della JVD Under 25 di altezza 1 metro e 40 del venerdì.

Il giorno seguente, sono tornati ad essere protagonisti dell’arena internazionale Paolo Adorno e Fer ZG, ottenendo un doppio netto nel tempo di 36”40 nella categoria Selleria Mascheroni di altezza 1 metro e 45.

Ottima prestazione anche per Gabriele Grassi su Grupo Prom Alandia nella Deniro Boots di altezza 1 metro e 40, dove le zero penalità al percorso base ed il 4 nel barrage gli è valso il terzo posto.

Un week end decisivo, nel quale il Lazio ha dato ancora una volta la conferma di potersi avvalere di cavalieri di prima classe.

Alessandra Bonifazi

ph credit Equieffe Equestrian

Numerose amazzoni e cavalieri hanno preso parte al concorso nazionale A5* presso le strutture del Horses “Le Lame” Sporting Club (Montefalco), nel week end del 21/23 settembre. Gli atleti Fise Lazio, hanno dominato in tutte le categorie, sapendo interpretare al meglio i percorsi ideati da Elio Travagliati e Riccardo Padovan.

Dei 37 binomi che si sono contesi il Gran Premio di domenica, le prime cinque posizioni battono bandiera Fise Lazio: primo il caporal maggiore scelto Filippo Martini Di Cigala, che in sella a Deja vu ha concluso le due manche con zero penalità agli ostacoli nel tempo di 35”83. Alle sue spalle Paolo Pomponi su Qing D’Amour (0/0, 36”49) ed in terza posizione Giulio Di Renzo Von Fereymann su Candy Girl De Letrequerce (0/0 37”23). Al quarto posto ottima prestazione di Edoardo Fochi con Qaro Dan (0/0 39”05) e chiude al quinto posto Nicolò Vincenzo Callerio su Granlaude Van’T Goovahof (1/0, 41”13).

Gli ottimi risultati erano iniziati dal venerdì, giornata inaugurata dal terzo posto di David Sbardella in sella a Punto nella categoria di altezza 1 metro e 40, seguito in quarta posizione da Giulio Di Renzo Von Fereymann su Candy Girl De Letrequerce e dalla quinta di Cecilia Zavattaro su Doe Mij Die Maar Vk. In vetta alla categoria di altezza 1 metro e 35 troviamo Paolo Pomponi su Igor Vt Duitschoolhoeve, piazza d’onore per Emiliano Liberati con Jarco Van De Meulenberg, quarto Francesco Colasanti su Veltro ed al quinto posto nuovamente  Pomponi in se alla A-Geisha Z.

Nella gara C130 non hanno avuto problemi Filippo Martini Di Cigala in sella Deja Vu, seguiti al quarto posto dalla young rider Veronica Lilli su Chertan. Il primo giorno si è concluso con la vittoria di Marzia Sorrentino su Simona nella C120, così come a firma laziale è stata la C115 vinta Giulia Pezzetta con Acrobaat, seguita in terza posizione dalla junior Linda Crocicchia con Kohelian Rambò e Giulia Morzella in sella a Weah Van Het Kleuterhof

Sabato in mostra con la piazza d’onore della C140 la junior Elisa Ottobre con il suo Cadanz, seguiti da Filippo Martini Di Cigala con Deja Vu, Emiliano Liberati su Dooley Wv e Filippo Catarci in sella a Cleopatra. Nella C135 - piccolo gran premio - in evidenza Giuseppe Della Chiesa con Corelis, terza Carola Pavan su Come What May e quinto Paolo Pomponi in sella Gigi D’Astrellc. Si arricchiscono i piazzamenti targati Fise lazio con il nome di Ascanio Tozzi Condivi e Omero De Villanova, primi classificati nella gara di 1 metro e 30.

Avvincente il Gran premio di altezza 1 metro 25, conquistato con un doppio netto da Marzia Sorrentino su Simona (30”39). I complimenti sono rivolti anche al secondo posto di Alessandro La Commare con Yari nella C120, e al quinto Chiara Antonnini su Caprigliano 1° nella medesima categoria. I successi sono poi proseguiti con la vittoria della C115, da parte di Sara Fiammeri con Giasia, seguita in quinta posizione da Giulia Morzella con Weah Van Het Kleuterhof. Mentre nella B110 piazza d’onore per la giovane Irene Martini su Vara, terza Raffaella Giulia Lucci su Chanky e quinta Carola De Angelis con Samantha-Jones E.

Domenica conquista il secondo posto della C135 Andrea Venturini su Deauville, terzo Stefano Marcotulli con Quiseppe D’Hiver e quarto Emiliano Liberati in sella a Jarco Van de Meulenberg. La mgliore della C125 è stata Francesca Tammi su Edfu, in evidenza anche Alessia Lamberti con Gurrane Cherokee Lady, seconda nella C120.

Infine, il concorso si è concluso con la vittoria di Irene Martini su Vara, il terzo posto di Alessia Ronchetti su Caduluna ed il quarto di Giulia Morzella con Weah Van Het Kleuterhof nella C115, mentre per la B110 la migliore è stata Diletta Tesse con Amira, seguita da Raffaella Giulia Lulli su Chanky

ph.© Marco Proli)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Grande attesa per l'avvio del 1° Trofeo di Stile Fise Lazio
Il 6/7 ottobre, presso la SSD Trigoria,  fa il suo esordio nel calendario regionale dei concorsi  l'iniziativa riservata alle Categorie di Stile in collaborazione con il Comitato Regionale. Il trittico di competizioni continuerà il 20/21 ottobre presso l'ASD Kappa e si concluderà il 3/4 novembre presso l'Equestrian Center C&G. È previsto un ricco programma di gare e una dotazione di premi in buoni selleria. In particolare, l'appuntamento  di Trigoria ospiterà una tappa del Progetto Giovani Promesse 2018, finalizzato a individuare promettenti binomi da inserire negli stages tenuti dal tecnico  Giorgio Nuti in  regione. Le iscrizioni dei binomi alle categorie valevoli per il Progetto Giovani Promesse 2018 saranno a carico del C.R. Lazio (la tappa successiva  è prevista alla Macchiarella il 24 e 25 novembre).
Per tutti i dettagli consultare il seguente link: Programma

Comunichiamo la Long List dei binomi convocati dal Tecnico di Salto Ostacoli, Piero Coata, per la partecipazione al concorso nazionale del 5-7 ottobre presso le strutture del circolo ippico Riviera Resort (S. Giovanni in Marignano),  in vista della definitiva squadra che andrà a rappresentare il Lazio alla Fieracavalli di Verona (25/28 ottobre):
  • Giulia Ardente e Tourone Otroive (Cascianese Country Club)
  • Cristian Calligaris e Renkum Delaware (C.I San Nicola)
  • Olga Cerasi e Pesetas (Pony Club Roma)
  • Carolina Ferrarini e Bombastik (Olgiata Park)
  • Alessandra Ghiurghi e Naiade Del Terriccio (C.I. Poggio dei Fiori)
  • Bianca Iori e Piberita (C.I. Baccarat)
  • Sara Morucci e Stardust z (C.I. Acquasanta)
  • Valerio Mosca e Cadira Mancluff (Jumping la Dolce Vita)
  • Priscilla Pigozzi Garofalo e Gilijana (Pony Club Roma)
I ragazzi convocati devono dare conferma della partecipazione  alla mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. entro, e non oltre il giorno 27 settembre alle ore 13.00.  Le iscrizioni devono essere effettuate in autonomia sul portale fise come da regolamento: Link

Al seguente link è possibile prendere visione dei binomi qualificati per la semifinale del Progetto Sport-Col. Lodovico Nava, che si svolgerà dal 28 al 30 settembre negli impianti del centro equestre Riviera Resort (San Giovanni in Marignano).  

Ricordiamo che alla finale di Verona (25/28 ottobre) avranno accesso i migliori 10 binomi qualificati in ciascun livello/gruppo disputato nella semifinale.

Dal 12 al 16 settembre 2018 è andato in scena il FEI World Breeding Jumping Championships for Young Horses 2018. Nel centro equestre Domain Zangersheide, i migliori giovani cavalli del mondo ed i loro cavalieri si sono sfidati all’ultimo galoppo per conquistare il titolo di campione del Mondo.

Mpaaf Regno Verde 

Contemporaneamente alla Coppa ddel Mondo Giovani Cavalli, presso gli impianti del Regno Verde numerosi cavalli promettenti si davano battaglia nel concorso Mpaaf. A firma di Giuseppe Felici e Andrea D’Antoni i Gran premi dei 6 e 7 anni

 

Durante il fine settimana del 13/16 settembre si è disputato il concorso Mpaaf riservato ai giovani cavalli nelle strutture del circolo ippico Regno Verde (Narni).

Sabato, la giornata è iniziata con la categoria 4 anni sport di altezza 1 metro, dove si è posizionato al primo posto Andrea Bianchini in sella a Calien Dell’Esercito Italiano e quinto Andrea Iuè con Vai Nadir.  A seguire la categoria 4 anni elite 105: primo Giacomo della Chiesa con Rodomonte, secondo Domenico Fedeli su Valorosa Grigia, quarto Andrea Bianchini su Django Di Alma terra e quinti ex aequo Fernando Gianti in sella a Dalouveè e Marco Colasanti su Venenu.

Nella categoria riservata ai cavalli di 5 anni sport a giudizio di altezza 105 è arrivato primo Emiliano Portale con Bounty Island Dell’Esercito Italiano e terza Alessandra Ghiurghi con Camomilla Delle Sementarecce.

Per la categoria H115 dei cavalli di 5 anni elite a giudizio si è distinta Vanessa Morello con Free Spirit, terzo Jacopo Spadoni in sella a Countdowns Dell’Astro e quinto Raffaele Malloni su Blu Lagoon dell’Esercito Italiano.

Si è svolto nel week end 13/16 settembre lo storico concorso internazionale della Bagnaia Jumping. L’evento  nato nel 1985 con una formula interregionale, si è negli anni trasformato in uno degli appuntamenti più attesi a livello internazionale.

Tra gli atleti laziali presenti alla 31esima edizione, si è messo in risalto Marco Ciucci, che in sella a Zaraia ha ottenuto per due giorni consecutivi (sabato, domenica) il terzo posto della categoria di altezza 1 metro e 35, imponendosi sugli oltre 50 partenti al via.

Junior nuti Opglabbeek18

Gli Under 21 si piazzano in quinta posizione

 

Chiudono al quarto e quinto posto le nazionali Junior e Young rider in occasione della finale delle FEI Nations Cup™ Youth.

La finalissima si è svolta domenica 9 settembre a Opglabbeek in Belgio. Un po’ di sfortuna per la nazionale Junior agli ordini del capo equipe Marco Bergomi e con l’immancabile supporto del tecnico federale Giorgio Nuti. Gli Under 18, infatti, hanno chiuso la gara con 8 penalità a un passo dal podio. A comporre il team azzurro sono stati Giacomo Casadei (4) su Capitol (Prop. Gestut Lewitz/Koki Saito), Martina Giordano (21) su Un Zephyr des Isle (Prop. Allstar & Allevamento Guldemboom) in sostituzione di Neri Pieraccini, Alessandra Bonifazi (4) su Intrigo RS (Prop. Srl Rs Team-Breeding Roma/Asd Madeforyou) e Francesco Corredu (0) su Necofix (Prop. Soc. Agr. Correddu GB & Pecchio ESS) e Neri Pieraccini (8) su Z (Prop. Jv- Horses). Vittoria per la Gran Bretagna (0); seguita a ruota da Irlanda, seconda con 4 e Belgio, terzo con 5 penalità.

Il team Young Rider ha chiuso, invece, al quinto posto la finalissima per la quale avevano ottenuto la qualifica durante la prima giornata di gara. La squadra sempre agli ordini del capo equipe Marco Bergomi e sotto l’attento sguardo del tecnico federale Giorgio Nuti era composta da Tommaso Gerardi (0) su Bucaramanga (Prop. Daniela Simonetti, Cagliari/John Rogers Fernandez Tarazona), Alessandra Fuzi (4) su Rmf Tequila (Prop. Ziogigi Sas di Alessandra Fuzzi &C), in sostituzione di Luigi Del Prete; Vittoria Fuser (0) su Uriane de Fussigny (Prop. Thierry Raverdy, Aubigny En Laonnois/Francois Mathy-Starlight Spril) e Michele Perevitali (4) su Cartaire Z (LG Morsink & JRJ Evenhuis). Il team Under 21 ha chiuso la gara con 18 penalità. Vittoria per la Svizzera (5), piazza d’onore per la Danimarca (7), terzo posto per il Belgio (8). 

Considerati i cambi effettuati dal tecnico (regolamento della finale di FEI Nations Cup™ senior) è proprio il caso di dire che al risultato hanno contribuito proprio tutti i binomi di ognuna delle due squadre.

"Il livello della competizione – ha detto Giorgio Nuti, tecnico delle nazionali giovanili - è stato alto poiché tutte le nazioni hanno schierato le migliori squadre. Ci siamo qualificati per la finalissima della domenica e non siamo andati lontani dal risultato di prestigio (con gli Junior quarti su otto squadre; mentre con gli Young rider quinti su nove, ndr), ma dobbiamo concentrarci sugli aspetti da migliorare e continuare a lavorare. Ormai il livello è talmente alto che bisogna fare zero se si vuole vincere, 4 o 8 penalità non bastano più. Ringrazio comunque – ha concluso Nuti - tutti i ragazzi per l'impegno che hanno messo partecipando a questa finale, rinunciando a prendere parte ai Campionati Italiani".

 

(Nella foto: il Team Italia Junior durante la ricongnizione con il tecnico Nuti)

Joomla Extensions