APERTURA AL PUBBLICO
Lun. Mart. Merc. 10:00-13:00/14:00-16:00
Giov. 10.00-13:00
CONSULENZA ANAGRAFE EQUINA
Dott.ssa Lisa Longo - cell. 3921431003

Bellissima giornata di sport al Trekking Horse, animata dalla consueta passione per i particolari  del team di Ferruccio e Talita Silla che per l'occasione hanno voluto arricchire la scenografia del loro circolo con la presenza di alcuni stand di prodotti alimentari molto belli e variopinti, a sottolineare il legame esistente tra la pratica degli sport e questri, il territorio e la natura.

Ottimo il terreno di gara a disposizione degli atleti, per una giornata certamente dispendiosa dal punto di vista delle energie e della concentrazione necessarie a svolgere le tre prove nell'arco di una sola giornata.
Si comincia con la Categoria "Invito": seconda posizione per Giorgia Stefani e Maringo, terza Danila Laganà su Piracanta Spo del Colle San Marco.
Cat.1 sez. A: si aggiudica la vittoria Asia de Negri in sella Blue Joke, seguita al secondo posto da Silvia Serafini e Geum, terza Anastasia Milletti e Kantje's Dadler.
Cat. 2 sez. A: in testa alla classifica Arianna Verzulli su Edwina S, seconda Matilda Schiavo su Star Lady delle Mimose, terza Caterina Aurora Chiellini in sella Red Spirit.
Cat. CN1* sez. A: al comando c'è Federica Proietti su Erikah Badu, seconda posizione per Lucrezia de Berardinins e Achrima du Bary.
Cat. CN1* sez. B:  vince Beatrice Mascioli su Sahara d'Iscla Z
Cat. Welcome A: vince Emma Romanelli su Monna Lisa, secondo posto per Maria Ciani e Monna Lisa, terza Flaminia Danese e Origano.
Cat Welcome A /B sez. Cavalli: si aggiudica la vittoria Aurora Novelli su Dorado Drink, seguita al secondo posto da Diletta Perciabosco su Dorado Drink.
Cat Welcome A /B sez. pony: primo posto per Giulia Davico e Olanda, secondo posto per Alice Leopardi su Aubrizia del Colle San Marco, terza Sofia Carmela Curatolo in sella a Little Star. 

FEI EVENTING NATIONS CUP ITALY: 60 GIORNI ALLO START

E’ partito il conto alla rovescia per la FEI Eventing Nations Cup Italy, fissata presso le strutture del Centro Equestre Ranieri di Campello - Pratoni del Vivaro, Rocca di Papa - dal 5 al 9 giugno. 

L’evento sarà utile per ottenere punti qualificanti per Tokyo 2020. E non solo.

L’appuntamento romano, infatti, rappresenta la seconda delle 7 tappe di un circuito che, una volta terminato, consegnerà il lasciapassare per la prossima Olimpiade di completo alla migliore nazione non ancora qualificata per la sfida a cinque cerchi. Appuntamento, quest’ultimo, già segnato in agenda per il paese ospitante (Giappone) e per i primi 6 team classificati in occasione dei  Campionati del Mondo 2018: Gran Bretagna, Irlanda, Francia, Germania, Australia e Nuova Zelanda.

Dopo aver ospitato i Giochi Olimpici 1960 (per la disciplina del completo), i WEG 1998 di completo e di attacchi e gli Europei Seniores di completo 2007, questa struttura - 130 ettari all’interno del Parco Regionale dei Castelli Romani - individuata e proposta al CONI nel 1957, come Centro Equestre Federale, dall’allora presidente FISE Ranieri di Campello - torna ad essere protagonista della cronaca sportiva di vertice, anche alla luce della sua probabile candidatura ad ospitare i Mondiali 2022.

Calendario

Houghton Hall (Gran Bretagna), 23-26 maggio

Pratoni del Vivaro (Italia), 5-9 giugno

Strzegom (Polonia), 26-30 giugno

Camphire Cappoquin (Irlanda), 24-28 luglio

Le Haras du Pin (Francia), 7-11 agosto

Waregem (Belgio), 19-22 settembre

Boekelo (Olanda), 10-13 ottobre

Daniela Cursi

(Press Office Manager - FEI Eventing Nations Cup Italy 2019)

Foto © Massimo Argenziano

Diverse le vittorie targate tricolore e molti i piazzamenti positivi dei nostri 

Si è concluso con diverse vittorie e piazzamenti targati tricolore il tradizionalissimo internazionale di completo di Ravenna. 

Se la vittoria della categoria maggiore, il CCI3*-L è andata al rappresentante dell’Ecuador Nicolas Wettstein su Onzieme Framoni (43,30) a rispondere a tono sono stati i due azzurri il sergente Emiliano Portale, secondo, su Virgilio dell’Esercito Italiano (45,20) e Sara Bresch, invece, terza in sella a Quality in Time (48,50). 

Il CCI3*-S è stato caratterizzato da una bella doppietta azzurra, quella firmata da Marco Biasia su Tresor de la Loge, sempre in vetta nella classifica della gara dalla prima prova di dressage e vincitore della gara con 31,40, e da Martina valillà, terza in sella a Barnadown Whos Who (32,90).

Parla tutto italiano il podio del CCI2*-L che ha salutato la vittoria di Costanza mantici su Daisy’s Diamante (29,00), il secondo posto di Matteo Arrighi su Ugo de Perron e il terzo di Giulia Argenziano in sella a Calisco (32,80). 

Una vittoria azzurra che conta davvero tanto, senza togliere nulla a quelle ottenute dai nostri nelle altre gare, è quella conquistata dal giovanissimo Matteo Orlandi nel CCI2*-S. In sella a Plenty of Magic lo Junior italiano, uno dei più giovani atleti in campo nella gara, ha ottenuto il vertice della classifica con l’ottimo punteggio negativo di 26,90. Alle sue spalle seconda posizione per l’agente delle Fiamme Oro Pietro Roman in sella a Casttlewoods Jake (27,60) e terza piazza per il Sergente Emiliano Portale in sella ad Aracne dell’Esercito Italiano (29,60). 

Tripletta azzurra anche nel CCI1*-Intro che vede la vittoria di Rebecca Chiappero e Sunnyvale Lass con un negativo di 27,20. Alle sue spalle Asia Beatrice Porrini conquista la piazza d’onore in sella a Fernhill Funtime (28,80), mentre Pietro Roman la terza, questa volta in versione Fernhill Fancy That (29,00).

Sono buone le prestazioni dei nostri azzurri nelle gare riservate ai Pony. Il CCIP2*-L è andato a Camilla Luciani in sella a Morelands Affair. Per loro punteggio negativo di 29,00. Martina Guerra e Olympic Lad conquistano, la seconda posizione (33,00), davanti a Giulia Nicastri e Corrnafest Barneby, invece terzi con 47,50 pn. 

Giulia Moannoni in sella a Dans Clover ha invece mantenuto la prima posizione del CCIP1*-L fin dalla prova di dressage . La giovanissima azzurra, infatti, si è aggiudicata la gara con un negativo di 29,00. Piazza d’onore per Andrea Gaia Dissette su Ten Doorn’s Hogan (35,90). Terzo posto per Elisa Grassis in sella a Tw Squirrel Nut Caramel (39,90). 

Le classifiche complete del concorso internazionale di Ravenna sono disponibili a questo link 

(Nella foto d'archivio: il sergente Emiliano Portale in azione)

-ARTICOLO FISE-

Ludovica VINCENTI HYASINTHE ph bdelorenzo

Intervista a Marco Salvatori, Referente Commissione Fise per lo Sviluppo della disciplina

 

A poco più di due anni dalla nascita della Commissione per lo sviluppo del Concorso Completo si delinea un bilancio molto positivo a riscontro delle iniziative messe in campo per incrementare il numero dei praticanti e potenziare l’interesse verso questa spettacolare ed impegnativa disciplina olimpica.

Marco Salvatori, Referente della Commissione Fise per lo Sviluppo del Completo fa qui il punto sui progetti che sono divenuti realtà e sui risultati ottenuti fino ad ora.

È iniziato il terzo anno del tuo incarico, quali sono le tue riflessioni sull’operato del Dipartimento e quali sono stati gli obiettivi che vi eravate posti come Commissione?

“Uno degli obiettivi di questa Federazione è la doppia velocità: seguire, mantenere e cercare di migliorare l’alto livello ma dare anche  la giusta attenzione alla promozione, ai giovani ed agli amatori con nuovi progetti ed obiettivi concreti.

Seguendo queste indicazioni, Il primo obiettivo era di sdoganare la disciplina dal momento di stallo in cui versava, di renderla più fruibile dalla base, di rilanciare quelle regioni che per diversi avevano avuto la loro identità nella disciplina e creare delle piccole “Start-up” nel territorio ove il Concorso Completo ha invece sempre fatto fatica a partire.”

Qual è stato il percorso tracciato per raggiungere questo primo obiettivo?  

 “Prima di tutto siamo intervenuti sulla programmazione di un calendario che ha permesso di distribuire le gare in modo equilibrato sul territorio nazionale, dando la possibilità ai vari Comitati Organizzatori di aumentare i partenti nelle loro manifestazioni (abbiamo avuto un aumento di circa il 25% sulla media partenti a gara).

In questo modo abbiamo ottenuto che tutti gli utenti (istruttori, Cavalieri, Allievi, Sponsor e Genitori) hanno frequentato manifestazioni con più partenti. Questo è fuor di dubbio un elemento di stimolo per un maggior confronto agonistico e tecnico e di conseguenza per eventuali nuovi investimenti.”

 Quindi il calendario è stato l’incipit di questa radicale trasformazione per la disciplina: quali strumenti e/o accorgimenti hanno permesso questa crescita?

 "Sono state apportate modifiche ai vari Campionati e Trofei, è stato aggiunto il Livello Amatori al Progetto Sport “Adriano Capuzzo”, ma sicuramente i progetti cardine per lo sviluppo del CCE sono stati le categorie Welcome e gli stage sul territorio.”

Spiegaci cosa sono le categorie Welcome e come sono nate.

 “Dopo una attenta riflessione ci siamo accorti che tutte le discipline, olimpiche e non, hanno iniziato ad insistere sull’area ludica. Ed in effetti solo il CCE era rimasto indietro non avendo degli strumenti che dessero la possibilità di accogliere (ecco perché la parola Welcome) nuovi giovani cavalieri nel nostro mondo con patente A Ludica e con i pony e cavalli della Scuola.

Abbiamo creato queste Categorie Welcome, sperimentate per due anni, le quali, prima al Centro e poi al Nord Italia hanno preso piede e dato la possibilità a molti giovanissimi di avere i primi approcci con la disciplina.

Da questo anno le categorie Welcome sono state inserite nelle specialità della Coppa Italia Club, grazie anche alla collaborazione con il Dipartimento Club attraverso le figure di Mario Giunti e Simona Lazzerini,  

con cui stiamo lavorando per inserire le categorie Welcome nel programma dei Campionati Italiani Club: questo servirà per creare un vero e proprio campionato riservato ai probabili futuri ‘Eventing Riders’.”

Parliamo ora degli stage sul territorio

“Sono incontri organizzati su richiesta dei Comitati Regionali, riservati ad amatori, junior e cavali giovani neofiti nella disciplina. Il tecnico incaricato dalla Fise è Roberto Rotatori che sta svolgendo un ottimo lavoro nelle regioni dove il Concorso Completo ha un seguito minore.

In Regioni come Veneto e Friuli V.G. questi stage sono serviti da volano per aumentare i numeri già presenti, mentre in Regioni come Sardegna, Puglia e Abruzzo hanno creato un vero e proprio piccolo movimento e fatto nascere dei nuovi Comitati Organizzatori.”

Ci sono altri progetti in corso di sviluppo?

“Sì, come il progetto che è partito questo anno, grazie alla collaborazione con Elisabetta Moranzoni, Paola Castellotti e Matteo Migliavacca: l’arena eventing. Trattasi di un percorso misto (materiale da salto ostacoli e da cross country) costruito in un campo in sabbia (outdoor o indoor).

Alcune manifestazioni sono state organizzate in Lombardia ed in Emilia Romagna con dei feedback positivi e soprattutto molta curiosità da parte di utenti al di fuori della disciplina. Riteniamo che sia ancora presto per tirare le somme ma sappiamo anche che sul territorio ci si sta organizzando per mettere in pista dei trofei Arena Eventing interregionali.”

Per quanto riguarda gli Amatori cosa ci puoi dire?

“Come ho accennato prima il Progetto Sport Adriano Capuzzo contiene il Livello Amatori che si svolge fino alla categoria. CN1*. È un circuito con un filo conduttore durante l’anno con delle tappe, una classifica ed una finale a fine anno. Tutto questo crea agli over 18 “no pro” la possibilità di finalizzare la loro attività avendo un percorso da seguire.

Il passaggio successivo al Progetto Sport è il Silver Tour dell’Italian Eventing Tour: si tratta di un circuito articolato sulle gare internazionali Pro Elite in Italia con 4 tappe ed una finale.

E per finire gli amatori hanno un vero e proprio Campionato Europeo CCI3*-S (Rural Rider), che viene svolto ogni due anni. Quest’anno la nazione ospitante sarà la Germania. Insieme a Andrea Schulze Broglia e Katherine Lucheschi, che saranno le selezionatrici dei membri della squadra, abbiamo redatto un progetto per la preparazione e la selezione degli amatori che vorranno partecipare a questo esclusivo campionato.”

Ci sono in cantiere nuove idee?

“Da quest’anno la guida della disciplina del Country Jumping (ex-Cross Country) è stata riaffidata al Dipartimento CCE. Insieme con il Referente della suddetta disciplina Rodolfo Del Treste, stiamo studiando un Progetto Sport dedicato al Country Jumping che viaggi di pari passo con le gare del Progetto Sport del CCE, cosi che i cavalieri del CJ abbiano il loro circuito di gare, che ci sia uno scambio reciproco tra utenti del Completo e quelli del Country Jumping e maggiori partenti per i Comitati Organizzatori.

Ma il nostro vero progetto per il Country Jumping è sviluppare anche a favore delle gare di CCE la convenzione FISE/Fitetrek-Ante, la quale permette ai tesserati dei due Enti di poter partecipare indistintamente alle gare delle due federazioni senza costi aggiuntivi di tesseramento.

Rendere questo possibile anche per il Concorso Completo ed il Country Jumping può innescare un volano che porterebbe un aumento del movimento nella nostra disciplina.”

La crescita del Dipartimento è frutto quindi di un lavoro di squadra?

"Assolutamente sì, e a tal proposito mi sento di ringraziare coloro con cui quotidianamente lavoro per lo sviluppo e la realizzazione di questi progetti, Enrica Pepe ed Alessandro De Santis, che condividono l’impegno e la passione per il nostro sport.”

 

foto © Bruno De Lorenzo

ARTICOLO FISE

Per dare seguito all'iniziativa proposta dalla Federazione Centrale, il Comitato Regionale Lazio sta avviando la programmazione di stage di avviamento al Concorso Completo curati dal tecnico federale Roberto Rotatori, noto cavaliere olimpionico italiano che vanta numerosi e importanti risultati agonistici.
Il Tecnico Roberto Rotatori, oltre a dedicarsi alla preparazione del Team Laziale Next Generation, sarà a disposizione degli allievi che intendano dedicarsi al Concorso Completo di Equitazione pur non avendo mai preso parte a questo tipo di competizione.
La preparazione di base al Completo rappresenta, tradizionalmente, la migliore palestra per i giovani cavalieri che permette loro di rendere solida la posizione in sella, assecondando l'azione del  cavallo o pony su terreno vario, sui dislivelli e affrontando piccoli ostacoli naturali.
Un tipo di allenamento difficilmente riproducibile all'interno dei maneggi e che stimola l'entusiasmo e il carattere dei ragazzi. 
Gli istruttori interessati a proporre ai propri allievi il programma di stage di avvicinamento al Completo tenuti da Roberto Rotatori potranno indirizzare le richieste all'indirizzo: direttoresportiQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
La priorità nell'accogliere le domande terrà conto dei seguenti criteri:
- assenza di esperienza nell'ambito del completo sia degli allievi che della loro Associazione Sportiva;
- data di comunicazione di adesione agli stages (farà fede la data d'invio della e mail. La richiesta di partecipazione dovrà essere inviata per il tramite dell'associazione affiliata).
Gli stages si svolgeranno nelle giornate di lunedì e martedì in sede e data da definire sulla base delle adesioni.

La Commissione Completo del Comitato Regionale composta da Argenta Campello e Alice Righetto ha fornito la lista dei componenti del "Next Generation Team".

Cos è il NEXT GENERATION PONIES e JUNIORES?

Il Next Generation Team Lazio PONIES sarà composto prendendo in esame:

  • Progetto Sport 2018 (livello base)
  • Campionati Italiani Ponies Under 13 e Under 11, 2018
  • Trofeo Allievi e Allievi Debuttanti 2018

Potranno essere inseriti altri nominativi su scelta dei Referenti regionali CCE

I componenti del Next Generation Team Lazio Pony avranno diritto a:

indossare una fascia “distintiva di appartenenza” consegnata dal Comitato Regionale.

prendere parte ad uno Stage tecnico federale con il tecnico federale Roberto Rotatori, che verrà programmato a cura dei referenti tecnici regionali (opportuna la presenza degli istruttori);

oppure avranno la possibilità di usufruire di altri stages federali, in caso di disponibilità di posti (opportuna la presenza degli Istruttori);

oppure riceveranno un contributo per la partecipazione al Campionato Italiano (di cui il 50% viene erogato per la sola partecipazione e un ulteriore 50% viene erogato “all’ottenimento del  risultato minimo previsto”. Questo è rappresentato da un punteggio nella prova di dressage  non superiore a 38 p.n. e un percorso netto nel tempo nella prova di cross country).

 

Il Next Generation Team Lazio JUNIORES sarà composto prendendo in esame:

  • Progetto Sport 2018 (livello 2-3)
  • Campionati Regionali juniores 2018
  • Trofeo Allievi Emergenti 2018

Potranno essere inseriti altri nominativi su scelta dei Referenti regionali CCE

 I component del Next Generation Team Lazio Juniores avranno diritto a:

indossare una fascia “distintiva di appartenenza” consegnata dal Comitato Regionale.

prendere parte ad uno Stage tecnico federale con il tecnico federale Roberto Rotatori, che verrà programmato a cura dei referenti tecnici regionali (opportuna la presenza degli istruttori);

oppurr avranno la possibilità di usufruire di altri stages federali, in caso di disponibilità di posti (opportuna la presenza degli Istruttori);

oppure riceveranno un contributo per la partecipazione a Manifestazione di Interesse Federale fuori regione in categoria CN1* o superiore (di cui il 50% viene erogato alla partecipazione e 50% viene erogato “all’ottenimento del risultato minimo previsto”. Questo è rappresentato da un punteggio massimo di 38 p.n. nella prova di dressage e un percorso netto nel tempo nella prova di cross country).

Di seguito l'elenco degli allievi selezionati:

Next Generation Team Ponies
Levante Girardi (Scuderia C&G)
Yamila Zaccaro (Scuderia C&G)
Giulia Mannoni (Il Dragoncello)
Asia De Negri (Scuderia C&G)
Sarah Giulia Goldschlag (C.I. del Vivaro)
Matilda Schiavo (Il Dragoncello)
Alfredo Negri Arnoldi (Pony Club Athlion Sabina)
Saranno inseriti altri nominativi a scelta della commissione.
Next Generation Team Juniores
Beatrice Nardilli (Pony Club Athlion Sabina)
Giulia Macarra (Trekking Horse)
Ludovica Vincenti (Il Dragoncello)
Chiara Gasparini (Pony Club Asso)
Eleonora De Sanctis (Pony Club Athlion Sabina)
Giovanna Bolaffio (Scuderia C&G)
Vittoria Mannoni (Trekking Horse)
Saranno inseriti altri nominativi a scelta della commissione
Ricordiamo che il referene del progetto è il consigliere regionale Nicoletta Romagnoli
Secondo appuntamento della stagione per i completisti, accorsi  a disputare le gare del fine settimana nell'impianto del Centro Militare di Equitazione
Dopo un inizio d'anno caratterizzato dal forte vento che ha imperversato senza tregua durante la gara di qualche settimana fa all'Ippodromo Militare di Tor di Quinto, e che ha impedito lo svolgimento della prova di salto ostacoli, finalmente gli atleti hanno potuto vivere e far vivere agli spettatori la magia del Completo nella classica configurazione su tre prove.
Vario il programma di gare, alcune valevoli per il Campionato Regionale a Tappe Brevetti e Primo Grado e per il Trofeo Regionale a Tappe "Promotion Eventing 2019". La domenica sono state disputate anche le categorie Welcome A e Welcome B, pensate per diffondere maggiormente la disciplina del Completo, facilitando la partecipazione di giovani allievi con cavalli e pony anche della scuola.

L'illusione di una primavera precoce aveva illuso, nelle settimane precedenti, tutti i romani, ma una brusca impennata del clima ha funestato la giornata di sabato con raffiche di vento di inusitata potenza che non hanno consentito lo svolgimento della prova di salto ostacoli del Concorso Completo  svoltosi presso l'Ippodromo Militare di Tor di Quinto.
 Il concorso che inaugura tradizionalmente la stagione del Completo nel Lazio,  "mutilato" della prova di salto, è continuato con la prova di cross country, effettuata nella giornata di domenica. Fortunatamente il percorso di campagna si è svolto in condizioni migliori, con un vento meno forte e uno splendido sole che ha restituito tepore e conforto ai concorrenti e ai tanti appassionati, disseminati negli ampi spazi dell'Ippodromo.
Impeccabile  l'organizzazione militare, sempre all'altezza nel fronteggiare ogni imprevisto, ma che si è dovuta arrendere, incolpevole,  alla potenza e alla furia degli elementi. 
Questi i risultati:
Cat. Invito:  secondo posto per Beatrice Guzman (P.C Athlion Sabina) su Mary Queen; terza Beatrice Giannini (Arrone ASD) su Esther.
Cat. 1A: prima posizione per Giulia Mannoni (Il Dragoncello) su Douglas; seconda Camilla Salvatori (Scuderia Fonte Bianca) su Izar de S'Arcaite; terza Francesca Fioretti (C & G) su Walchiria del Tiglio).
Cat. 1B: vince Gualtiero Nepi (CI Della Leia) su Penelope delle Crete.
Cat. 2A: vittoria per Yamila Zaccaro (C & G) su Mr. Sandman; seconda Asia de Negri (C & G) su Oro di Monreale.
Cat. CN 1* A: la testa del podio è di  Eleonora de Sanctis (P.C Athlion Sabina) su DBS Corland Gold; seconda Camilla Luciani (C & G) su Camelot Damgaard; terzo Edoardo Fortini ( C & G ) su Hero Motivator; quarta Lorenza Trombini su Venus de Bordenave; quinta Matilda Romano su Prince of Kings.
Cat. Cn 1*; s'impone Stefano Brecciaroli su Bolivar Gio Granno; seconda Costanza Mantici su Queen Lady; terzo Nicola Datti su su Quarzo Bonorvese; Quarta Alice di Mario su Piccadilly 55; quinto Andrea Cincinnati su D?Herencia.
Cat. Cn2*: conquista la vittoria  Evelina Bertoli su Polly Pocket; seconda Alice Luciani su Sam B; terza Evelina Bertoli su Quick Joe; quarto Mattia Luciani su Bingo; Quinta Alice Luciani su Beaucatcher.
Cat. Cn2* Open;il primato è di  Giulio Guglielmi su Caramio 4; secondo e terzo Marco Cappai su Cute as Honey e Contendra Kerisper; quarto Emiliano Portale su Virgilio dell'E. I.; quinta Evelina Bertoli su Seashore Spring.
Joomla Extensions