APERTURA AL PUBBLICO
Lun. Mart. Merc. 10:00-13:00/14:00-16:00
Giov. 10.00-13:00
CONSULENZA ANAGRAFE EQUINA
Lunedì su appuntamento
Dott.ssa Lisa Longo - cell. 3921431003

Il tradizionale evento di Le Lion d’Angers ha visto in campo quattro cavalli montati da cavalieri italiani

Conclusi ieri, domenica 21 ottobre i Campionati del Mondo riservati ai giovani cavalli di Completo di Le Lion d’Angers (Francia).

Al termine delle tre prove Aracne dell’Esercito Italiano, cavallo italiano di sei anni, di proprietà dell’Esercito Italiano, montato dal sergente Emiliano Portale, ha concluso al 12° posto della classifica generale (32.2), confermandosi il migliore degli azzurri in gara. Un errore nell’ultima prova di salto ostacoli di ieri. Solo tre posizioni più indietro, al quindicesimo posto, un errore nella prova di oggi anche per Penhill Celtic (Prop. Andrea Vecchi) agli ordini del caporale Giovani Ugolotti (33.9).

Ottima giornata per i nostri cavalli di sei anni quella che li ha visto impegnati sul tracciato di cross-country sabato 20 ottobre. Tre netti nel tempo nella prova di cross per i nostri portacolori: il sergente Emiliano Portale con il cavallo italiano Aracne dell’Esercito Italiano, il caporale Giovanni Ugolotti con Penhill Celtic e l’agente delle Pietro Sandei con l’italiano Chiker. Erano 41 i cavalli partenti nella categoria riservata ai migliori cavalli di 6 anni dell’allevamento mondiale di cavalli da completo.

I tracciati di cross sono stati ben costruiti in una cornice perfetta per un Campionato Mondiale, con un pubblico davvero numeroso e caloroso.Nella giornata di apertura questi i punteggi dei nostri al termine del dressage test: Cavalli 6 anni - Portale/Aracne dell’Esercito Italiano (28.2); Ugolotti/Penhill Celtic (29.9); Sandei/Chiker (37.0). 

Gli azzurri sono stati guidati dal capo equipe Marina Sciocchetti.

Queste le parole del Sergente Emiliano Portale: "Una gara che conosco bene perché è la quinta volta che vi prendo parte. Un posto adatto a dei Campionati del Mondo con dei tracciati costruiti beni. Il cross è stato molto lungo, c'era bisogno di una buona preprazione atletica e Aracne non ha avuto problemi. Quest'anno nonostante io abbia fatto errore sull'ostacolo più semplice in salto ostacoli (la triplice), credo che fosse leggermente più semplice rispetto all'anno scorso. Devo dire che Aracne è una cavalla italiana speciale, sulle sue spalle ha gia numerose vittorie, ed è eccezionale in ogni disciplina, lo dimostrano i suoi risultati nei circuiti giovanili di salto ostacoli!"

Classifiche 

Joomla Extensions